Dopo tanto lavoro, ma attese infruttuose, la LIBV sta decidendo di cambiare rotta…


Beach Volley: il silenzio di Cattaneo, i piani di Ghirelli.

E’ scontro aperto fra Bruno Cattaneo, nuovo presidente della Fipav (ha spodestato Carlo Magri), e Francesco Ghirelli, presidente della Lega Italiana Beach Volley. Da tempo Ghirelli sta cercando di chiudere una convenzione con la FIPAV per poter lanciare i suoi progetti. “Sinora-ricorda-abbiamo portato 18.000 atleti alla Federazione…”, ricorda il dirigente di lungo corso, calcio certo ma anche volley. Ma Cattaneo prende tempo, non risponde nemmeno alle sollecitazioni, tanto che Ghirelli sta per stancarsi e presto potrebbe convocare un’assemblea della Lega. Dopo il successo del campionato invernale di Beach Volley, c’era in programma un piano per l’estate: l’Italia ha 8.000 chilometri di coste, si presta benissimo a questa splendida disciplina che ci ha dato anche soddisfazioni olimpiche (ricordate la finale Lupo-Nicolai a Rio?). Ci sono da risolvere dei problemi, soprattutto al Sud c’è forte carenza di impianti. Ma se non si parte mai… Come primo atto della sua presidenza, d’altronde, Cattaneo ha cancellato la tappa romana di quest’anno della World Cup (tornerà nel 2019, grazie alla Coni Servizi che la ospita). Il n.1 dello sport, Giovanni Malagò, crede molto nel beach volley. Meglio che Cattaneo lo sappia.

http://www.repubblica.it/rubriche/spycalcio/2017/06/11/news/sky_mediaset_e_rai_ora_lo_scontro_per_la_champions-167825419/